Musica

Concerto

Festival

Rassegna

Un'Estate da RE | IV Edizione

Zubin Mehta e Stefano Bollani

Stefano Bollani al pianoforte e Zubin Mehta alla direzione dell'Orchestra del Teatro di San Carlo.

CONDIVIDI


Il programma del 28 settembre

Giuseppe Verdi

La forza del destino, ouverture

Verdi compose l’ouverture de La forza del destino nel 1869, ben 7 anni dopo la prima rappresentazione dell’opera al Mariinskij di San Pietroburgo, con l’intento specifico che potesse presentarsi non solo come preludio all’opera stessa, ma anche come una composizione a sé stante. L’ouverture infatti è da considerarsi vero e proprio “cavallo di battaglia” delle esecuzioni concertistiche.

Wolfgang Amadeus Mozart

Concerto per pianoforte e orchestra N. 23 in LA Maggiore, K 488

Scritto da Mozart durante la composizione de Le nozze di Figaro, il Concerto K. 488 ne ripropone la sensualità e l’appassionato impeto vitalistico. Terminato il 2 marzo 1786, il Concerto si preannuncia sin dal primo movimento come uno fra i più preziosi e intimi del genio di Salisburgo, con temi caratterizzati da una profonda intensità espressiva.

Peter Ilič Čajkovskij

Sinfonia N. 5 in Mi Minore, Op. 64

La Quinta sinfonia fu scritta da *Čajkovskij nell’estate del 1888, in un periodo abbastanza sereno della sua vita. Essa riflette in tutto e per tutto lo spirito di Čajkovskij: non esprime infelicità o disperazione, anzi sono presenti tratti di autentica euforia, ma il senso di disfatta dell’apertura non può essere dimenticato. La felicità dunque per Čajkovskij esiste, ma è momentanea, e nel momento in cui la si conosce, se ne scorge anche la precarietà.

Il programma del 29 settembre

Giuseppe Verdi

I vespri siciliani, ouverture

Verdi scrive I vespri siciliani nel 1854-55, la cui ouverture, spesso eseguita singolarmente nei concerti, è un capolavoro di irruenza e cantabilità, in cui si ritrovano echi delle prime esperienze del Risorgimento italiano. La musica dell’ouverture è prorompente, trascinante, si avverte la luminosità spettacolare della terra siciliana. La partitura si presenta anche in tanti punti delicata, intima. Rappresenta tutti i tratti caratteristici del genio di Verdi.

Wolfgang Amadeus Mozart

Concerto per pianoforte e orchestra N. 23 in LA Maggiore, K 488

Scritto da Mozart durante la composizione de Le nozze di Figaro, il Concerto K. 488 ne ripropone la sensualità e l’appassionato impeto vitalistico. Terminato il 2 marzo 1786, il Concerto si preannuncia sin dal primo movimento come uno fra i più preziosi e intimi del genio di Salisburgo, con temi caratterizzati da una profonda intensità espressiva.

Ludwig van Beethoven

Sinfonia N. 7 in LA Maggiore Minore, Op. 92

La Sinfonia n. 7, composta da Beethoven parallelamente all’ottava tra il 1811 e il 1812, ha un linguaggio drammatico, che propone un contrasto tra luce e ombra, tensione e riposo, propri della vita interiore. Pur essendo piuttosto classica nella forma, è caratterizzata da una grande vivacità ritmica. Il ritmo, come elemento primario della composizione, dà vita alle melodie e trasforma i temi ed è usato anche a livello timbrico e armonico.

CONDIVIDI


Parco archeologico delle Terme di Baia

30/07 | H: 21:00 → 23:00

Transleit | Ebbanesis in concerto alle Terme Romane di Baia

Musica

Concerto

Rassegna

Festival

Reggia di Caserta

08/09 | H: 19:30 → 21:30

Alvise Casellati e Julian Rachlin

Musica

Concerto

Festival

Rassegna

Opera sinfonica

Parco archeologico delle Terme di Baia

29/07 | H: 21:00 → 23:00

La Canzone Napoletana: storia, passione e musica di una città | Terme Romane di Baia

Musica

Concerto

Rassegna

Festival

Reggia di Caserta

08/07 | H: 21:00 → 23:00

Nabucco di Giuseppe Verdi

Concerto

Rassegna

Musica

Festival