Villa o palazzo di interesse storico o artistico

Villa Arbusto

Il complesso di Villa Arbusto fu costruito nel 1785 da Don Carlo Acquaviva, Duca di Atri, dov’era la “masseria dell’arbusto”. La villa oggi si presenta organizzata come un insieme di edifici contigui, che si integrano nel parco-giardino: il corpo residenziale padronale, Villa Arbusto, il cui nome è stato poi esteso a tutto il complesso; la dipendenza per gli ospiti; la merlata Villa Gingerò, chiamata oggi “Belvedere”; una cappella dedicata alla Madonna delle Grazie ed una piccola sacrestia; una villetta di impianto posteriore ed alcuni servizi, come una cisterna posta nella zona più alta. Il rapporto tra interni ed esterni è mediato da alcuni elementi di arredo all’aperto, come la struttura di grillages e pergole, la fontana che fa da fondale al giardino, alcuni viali e percorsi attrezzati.

Estintasi nel 1805 la linea maschile degli Acquaviva, la villa passò in molte mani: dalla Duchessa di Conversano, alla famiglia Biondi, ai Ciannelli-Nesbit, che ne fecero una pensione e furono poi costretti a smembrarla per dissesto finanziario, finché nel 1952 fu acquistata dal noto editore e produttore cinematografico Angelo Rizzoli. Dopo la morte di quest’ultimo a comprarla fu il Comune di Lacco Ameno, col contributo della Provincia di Napoli e della Regione Campania, per esporvi i numerosi reperti che venivano alla luce nella zona a partire dagli anni Cinquanta del secolo trascorso, ma il Museo vero e proprio vi è stato aperto solo dal 17 aprile 1999.

Indirizzo

Corso Angelo Rizzoli, 210 – 80076 Lacco Ameno (Napoli)

Orari

Lunedì. Chiusura festiva: 1° gennaio, 1° maggio, 25 dicembre

temporaneamente chiuso fino a nuove disposizioni

Informazioni

Tel: +39.081.900356 (Museo Archeologico di Pithecusae)

Fax: +39.081.333028 (Comune di Lacco Ameno)

CONDIVIDI