Area archeologica a ingresso gratuito

Parco o giardino di interesse storico o artistico

Area archeologica di Fratte

L'area archeologica di Fratte è sita su una collina nei pressi del fiume Irno, non lontano dal sito in cui sorse la Salernum romana, sulla strada che dalla Valle dell'Irno conduceva alla città di Picentia, l'odierna Pontecagnano, in posizione strategica per il controllo dei traffici. La sua scoperta è avvenuta negli anni '50 durante lavori di ampliamento del centro abitato.

Il sito risulta occupato sin dal VI secolo a.C., un periodo fiorente per l'area che dalla Penisola Sorrentina arrivava al fiume Sele, sotto il controllo etrusco.

In quest'area infatti gli Etruschi fondarono dodici ricche città (dodecapoli campana) particolarmente votate al commercio: tre principali città costiere, Castellammare, Vico Equense e Vietri sul Mare, che assicuravano l'approdo marittimo alle vicine città dell'entroterra di Pompei, Nocera e Nola, con traffici estesi sui mari. Le altre città della dodecapoli, erano Ercolano, Pontecagnano, Acerra, Capua, Suessola (sito nei pressi di Acerra) e Sorrento.

I ritrovamenti effettuati nell'area di Fratte indicano che la compagine etnica e sociale del luogo doveva essere molto eterogenea essendo presenti, oltre gli Osci (popolazione locale), anche Etruschi e Greci.

Indirizzo

– Salerno (Salerno)

Orari

Dal Martedì alla Domenica - 9.00 - 15.00

Lunedì

Informazioni

Tel: 089481014

Fax:

http://www.comune.salerno.it/itinerari.htm

CONDIVIDI