Redazione Scabec — 14/01/2022

Nasce SoNa, il grande archivio digitale del patrimonio musicale della Campania 

Il viaggio musicale parte dalla canzone classica napoletana dell’800 e ’900, attraversando la cultura etnofolklorica, pop-rock degli anni ’60, fino ad arrivare al jazz. Migliaia di canzoni, testi, spartiti, iconografie, documenti, file audio e video racchiusi in un unico portale e resi disponibili al pubblico in modo completo e inedito.

Si chiama “SoNa - Casa Armonica” il portale – disponibile nei prossimi mesi – che racchiude il grande giacimento musicale della Campania. Non si tratta di un intervento puramente conservativo: la musica viene resa disponibile attraverso la fruizione online, legata a puntuali schede catalografiche, immagini, percorsi narrativi sulle tematiche e sui protagonisti. Il portale, che si avvale del coordinamento scientifico di Pasquale Scialò, è parte del progetto ArCCa, finanziato dalla Regione Campania mediante il POR FESR 2014 - 2020 e attuato dalla Scabec, nell’ambito di Ecosistema Digitale Cultura Campania, la piattaforma della Regione per la digitalizzazione dei Beni Culturali.

Le cinque stanze virtuali

Il materiale digitalizzato è ripartito in 5 stanze virtuali della Casa Armonica delle culture musicali della Campania. La prima stanza è riservata alla canzone classica dell’Otto-Novecento, alle sue forme e ai suoi interpreti, da Enrico Caruso a Sergio Bruni, Roberto Murolo e tantissimi altri. La seconda alla cultura etno-folklorica, il ricco campionario di testimonianze della tradizione orale del territorio. La terza alla musica pop-rock e la quarta al jazz dove si miscelano matrici locali con la musica afroamericana arrivata da oltreoceano. La quinta stanza è dedicata al soundscape con le sue impronte umane e naturali: il paesaggio sonoro di Napoli e della Campania che ha creato da sempre suggestioni, passando da oggetto di ispirazione a soggetto creativo, nella musica, nella letteratura, nell’arte, nel cinema.

Tutto quel che c’è da sapere sui repertori della canzone

Il portale mette a disposizione di appassionati di musica, ricercatori, curiosi, numerosi contenuti relativi alla canzone con percorsi narrativi, schede sui protagonisti e catalogazione dei singoli brani secondo gli standard nazionali.

Cliccando sui titoli più noti è possibile ascoltare alcune versioni del brano, leggerne il testo e lo spartito (come quello di ‘O sole mio in varie versioni e traduzioni), analizzarne gli aspetti iconografici (le copertine dei dischi, le locandine, le eventuali scene dei film in cui è stato inserito) e accedere a tutte le informazioni essenziali che riguardano l’autore, l’editore, la durata del brano, la data della prima incisione. A queste si aggiungono fonti cartacee, autografi, contratti, minute, lettere (come quella della SIAE per l’accordo della versione inglese di It’s now or never cantata da Elvis).

Le fonti: dalla RAI alla casa editrice Bideri

Il portale SoNa si avvale dell’apporto di Enti e Istituzioni che hanno fatto conoscere nel mondo la musica made in Campania. Tra questi la RAI con il suo Archivio Storico della Canzone napoletana – nato proprio grazie alla Regione Campania e oggi sottoposto a un significativo intervento di ammodernamento del sistema –, il più grande jukebox esistente di questo repertorio: 70.000 brani su 78, 33, 45 giri, cassette, nastri, a partire dai primi del ’900 fino a oggi. Alla RAI si aggiunge il fondo della storica casa editrice Bideri con spartiti, “copielle”, autografi, fotografie a cui hanno legato la loro fama autori importanti come Di Giacomo, Costa, E. A. Mario, Bovio, Di Capua, E. Murolo, Tagliaferri.

Anche il teatro-canzone ha il suo spazio grazie alla collezione di Enzo Moscato. Tra le istituzioni che hanno contribuito con il loro patrimonio, il Conservatorio San Pietro a Majella, Laurino in Jazz, il Museo etnomusicale dei “Gigli di Nola”. Inoltre, presso il Teatro della canzone napoletana Trianon-Viviani sono presenti due significative attività di diffusione del portale quali La Stanza delle meraviglie, con una la soluzione olografica di grandi dimensioni, realizzata mediante tecniche avanzate di computer grafica e di motion tracking, e la Stanza della memoria, allestita con teche olografiche e per la fruizione integrale di contenuti di SoNa, destinata anche a favorire il processo di alfabetizzazione digitale e di utilizzo costruttivo di nuovi strumenti informatici, veicolato attraverso un tema particolarmente aggregante come la musica.

13/05/2022

Torna la Notte Europea dei Musei: sabato 14 maggio aperture straordinarie a 1 euro Anche in Campania musei e luoghi della cultura aderiscono all’iniziativa che si svolge in …

Tour

Museo

Visita guidata

04/05/2022

Il cinema made in Campania trionfa ai David di Donatello È stata la mano di Dio di Paolo Sorrentino vince 5 statuette (tra cui per il miglior film e regia), …

Cinema

18/02/2022

Carnevale di Montemarano: la tarantella del Caporaballo Tre giorni di cortei mascherati guidati dal "caporaballo" al ritmo incalzante della tarantella, con …

Storia

Tradizioni popolari

Festività

11/02/2022

Con “L’amica geniale” alla scoperta della Napoli di Elena Ferrante Il successo della terza serie televisiva de “L’amica geniale” ha riacceso l’attenzione degli …

Tour

Cinema