Peppe Iannicelli — 12/12/2021

Salerno, la magia di Luci d’Artista e gli incontri di SlideDoor

Salerno accende le sue meravigliose Luci d’Artista. La città ripropone a turisti e visitatori la spettacolare esposizione en plein air d’arte luminosa che ha reso Salerno una delle destinazioni preferite nei tour natalizi. Tutta la città si accende con i colori di queste installazioni che lasciano a bocca aperta grandi e bambini. Il segreto del successo di Luci d’Artista è proprio lo stupore che riesce a suscitare in coloro che appena alzano un poco gli occhi verso il cielo. Lo stupore è il più natalizio dei sentimenti. Lo stupore dei pastori al cospetto della grotta di Betlemme illuminata dalla luce della stella cometa. Luci d’Artista, come il Natale, assume anche un valore simbolico: la vittoria della luce sulle tenebre, della speranza contro la paura, dell’umanità condivisa contro la solitudine.

Le creature fantastiche della Villa Comunale

Il mito e le sue suggestioni sono sempre stati tra i principali motivi ispiratori delle varie edizioni di Luci d’Artista. Una tendenza confermata dalla scelta degli organizzatori di popolare la Villa Comunale, compresa tra lo storico Palazzo di Città ed il Teatro Municipale Giuseppe Verdi di Salerno, con delle creature fantastiche. Passeggiando tra i viali, il laghetto e le aiuole, ecco sbucare da dietro un cespuglio un unicorno con i gruppi di visitatori non resistono alla tentazione di intonare la celebre filastrocca a lui intitolata “ci sono due coccodrilli ed un orangotango…”. Poco più in là, ecco la gigantesca creazione luminosa dedicata a Pegaso, che sembra in procinto di spiccare il volo. In questo scenario non poteva mancare l’Araba Fenice, che simboleggia anche la vita che rinasce dalle sue proprie ceneri.

L’Albero della Vita a Piazza Flavio Gioia

Le opere luminose di Luci d’Artista sono realizzate con materiali ecosostenibili, in alcuni casi come quelle della Borghi che adornano l’antica via dei Mercanti con materiali riciclati. C’è grande attenzione al rispetto dell’ambiente ed anche al risparmio energetico. Le decine di chilometri di cavi ed i milioni di lampadine sono tutti a basso consumo energetico. Una delle mete irrinunciabili durante il percorso di Luci d’Artista è certamente piazza Flavio Gioia, che i salernitani chiamano affettuosamente “La rotonda” per la sua forma circolare. L’intera piazza è avvolta dalle fronde luminose dell’Albero della vita, (foto di Massimo Pica), il cui fusto affianca la bella fontana dei delfini opera dello scultore Riccardo Dalisi.

In piazza Vittorio Veneto i viaggiatori che arrivano in treno sono accolti in città da un gigantesco e sorridente Babbo Natale. Slitte, renne, sacchi con i regali spuntano dappertutto nelle strade della città rendendo l’atmosfera magica e festosa. Nelle grandi arterie che attraversano la città e nei vicoli più nascosti del suo cuore antico, ecco spuntare gli artisti del circo, i richiami al lontano Oriente, i profumi della Costa d’Amalfi. Composizioni floreali colorate, fiocchi di neve e decori di cristallo impreziosiscono le vie dello “struscio” e dello shopping. In piazza Portanova domina il maxi-albero di Natale che esalta la voglia di selfie festosi.

Luci d’Artista, ideata dall’allora sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, che oggi continua a sostenerla come Presidente della Regione Campania, è stata organizzata dal Comune di Salerno tenendo conto di tutti i parametri e protocolli di sicurezza sanitaria per garantire una visita senza rischi ed in totale sicurezza. I luoghi di maggiore interesse sono costantemente presidiati per garantire accessi controllati e scongiurare assembramenti. Allo stesso modo sono istituiti anche percorsi obbligati e sensi unici temporanei nelle strade più strette del centro storico cittadino (tutte le info su eventi, programmi, istruzioni operative sono sul sito www.comune.salerno.it).

La visita alle Luci d’Artista è libera e gratuita. Le installazioni campeggiano nelle strade, nelle piazze, nei luoghi di ritrovo della città. Ciascuno segue il filo del desiderio e dell’ispirazione alla ricerca delle emozioni più belle. 

Alla scoperta di Salerno  

La visita alla Luci d’Artista, lo ricorda il sindaco Vincenzo Napoli, è un’ottima occasione per scoprire o riscoprire le bellezze di Salerno, città ricca di cultura, arte, piaceri, incastonata tra la Costa d’Amalfi ed il Cilento, terra della dieta mediterranea elisir di lunga vita.

Tante le cose da fare o vedere in città seguendo la scia luminosa: l’imponente castello d’Arechi mai espugnato nel corso della sua storia millenaria; l’elegante lungomare con la Piazza della Libertà appena inaugurata (dotata di settecento parcheggi sotterranei al servizio del centro storico); il Giardino della Minerva, dove ancora di coltivano le erbe medicali utilizzate dalla Scuola Medica Salernitana; il Museo Diocesano e la Pinacoteca Provinciale; gli spettacoli del Teatro Municipale Giuseppe Verdi di Salerno, diretto dal grande musicista Daniel Oren. Non mancano anche le occasioni per lo shopping, per gustare i sapori della cucina locale a metà tra la terra ed il mare e per vivere l’originale esperienza SlideDoor.

SlideDoor al Duomo 

Il cuore storico, spirituale ed artistico di Salerno è rappresentato dal Duomo costruito intorno all’anno Mille. Custodisce le spoglie dell’Evangelista San Matteo Patrono della Città. È un luogo d’incontro, anche nella sua configurazione arabo-normanna, tra popoli e culture. Salerno è una città accogliente ed inclusiva: nella Scuola Medica Salernitana operavano uomini e donne di ogni fede e razza senza alcun pregiudizio ed ostilità. Erano animati dalla ricerca del benessere dei malati e dell’umanità che non conosce steccati. Un messaggio universale e di grande odierna attualità in un mondo che tende ad innalzare steccati di cemento armato e pregiudizio. 

Nel quadriportico di questo luogo, così carico di storia ed umanità, è stata installata una delle porte multimediali del progetto SlideDoor; l’altra corrispondente si trova nel Museo dell’Immigrazione di Ellis Island, a New York negli Stati Uniti d’America.

SlideDoor: il mondo ha bisogno di una porta” è stato realizzato dal Comune di Salerno, con il sostegno della Presidenza della Regione Campania e di Scabec e la straordinaria collaborazione di Ellis and Statue of Liberty Island Foundation, del Consolato Generale di Italia a New York e Slideworld.

Fino al 21 giugno 2022, attraverso il portale interattivo viaggeranno storie, spettacoli, eventi speciali, personaggi con l’intento di creare un ponte che rafforzi la condivisione dei comuni problemi, la solidarietà partecipata, la costruzione di un mondo migliore. La tecnologia più sofisticata al servizio dell’umanità più profonda; una tecnologia che unisce e non aliena. 

20/01/2022

Procida 2022, inizia l'anno da Capitale Italiana della Cultura A un anno dalla proclamazione l'isola di Arturo si prepara ad ospitare 44 progetti, 150 eventi e …

Tour

14/01/2022

Nasce SoNa, il grande archivio digitale del patrimonio musicale della Campania Il viaggio musicale parte dalla canzone classica napoletana dell’800 e ’900, attraversando la …

Musica

11/01/2022

I fuochi di Sant'Antonio Abate Da Macerata Campania a Nusco, da Cicciano a Campagna si festeggia il protettore degli animali …

Tour

07/01/2022

Il Mercante in Fiera della Campania Un mazzo di carte speciale per giocare in allegria, scoprire il patrimonio culturale della …

Arte

Campania>Artecard