Redazione Scabec — 08/07/2021

Nella luce di Napoli, dopo 50 anni riapre la Chiesa di San Gennaro con un nuovo decoro di Santiago Calatrava

L’intervento decorativo globale dell’architetto Santiago Calatrava per la Chiesa di San Gennaro nel Real Bosco di Capodimonte completa la grande mostra “Santiago Calatrava. Nella luce di Napoli”.

«Un’opera d’arte totale (Gesamtkunstwerk) in cui diverse arti (ceramica, tessitura, smaltatura, pittura, ecc.) convergono in un lavoro autonomo che parla dal passato al presente verso il futuro.»

Santiago Calatrava

Nella luce di Napoli

Nuove luci, decori e allestimenti per la Chiesa di San Gennaro nel Real Bosco di Capodimonte, gioiello barocco costruito nel 1745 dall’architetto e scenografo Ferdinando Sanfelice per volere di Carlo di Borbone. Dopo 50 anni la chiesa riapre al pubblico in occasione dell’intervento realizzato dall’architetto spagnolo Santiago Calatrava, a completamento della mostra Santiago Calatrava. Nella luce di Napoli, un'esposizione curata dal direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte Sylvain Bellenger e Robertina Calatrava, moglie dell'artista, e sostenuta dalla Regione Campania grazie ai fondi europei POC, organizzata dalla Scabec, e realizzata in collaborazione con lo Studio Calatrava e lo studio Avino.

L'opera d'arte come espressione del rapporto armonioso dell'uomo nel mondo

Una rilettura che impreziosisce questo spazio, dalle vetrate al soffitto decorato di stelle, alle nicchie con disegni di rose, foglie e uccelli, una nuova illuminazione e nuovi arredi: le preziose sete di San Leucio come paramenti d'altare e vasi in porcellana che l'artista ha prodotto appositamente per la cappella, realizzati durante i laboratori con gli studenti e i maestri artigiani dell'Istituto Caselli-De Sanctis / Real Fabbrica di Capodimonte.

“Quei manufatti storici sono la luce di Napoli e sono riuniti in una moderna installazione all'interno di un ambiente settecentesco. Il vocabolario contemporaneo incorporato in un contesto storico che ne esalta il significato. Le pareti e il soffitto sono stati dipinti con un intenso blu oltremare per evidenziare gli elementi strutturali e ornamentali della cappella e conferirle un maggiore senso di profondità. L'installazione consente la creazione di un concetto globale (Gesamtkunstwerk) in cui diverse arti (ceramica, tessitura, smaltatura, pittura, ecc.) convergono in un'opera autonoma che parla dal passato al presente verso il futuro”.
Santiago Calatrava

400 stelle ad impreziosire il soffitto blu

Negli stessi luoghi in cui Carlo di Borbone aveva deciso di fondare la sua Fabbrica di Porcellana nel 1743, sono stati realizzati i decori in porcellana: i fiori, le foglie, i rami destinati ad ornare le due nicchie laterali e 400 stelle ad otto punte per il soffitto realizzate in porcellana bianca poi interamente dorata a terzo fuoco.

Il tema della Passione di Cristo, declinato attraverso il simbolo della croce, è stato ripreso nelle due nicchie sugli altari laterali: nella nicchia di destra, il crocifisso è formato da foglie in oro su un fondale interamente coperto da rami d'ulivo mentre, nella nicchia di sinistra, una croce composta da fiori rossi si inserisce entro un fitto reticolo di fiori giallo ocra e rami in biscuit.

Negli stessi luoghi sono stati realizzati anche le tre coppie di vasi poste sull'altare centrale e sugli altari laterali, i portacandele per gli altari, gli angeli e le colombe in porcellana da collocare nella nicchia che ospita il battistero con la fonte battesimale e un uovo in ceramica che dal soffitto scende sospeso verso l’altare maggiore della chiesa.

Dalle vetrate ai tessuti: l'artigianato campano protagonista

Le vetrate artistiche di ispirazione sacra: Crocifissione e Deposizione per il tamburo di ingresso, Resurrezione e Ascensione per i due rosoni laterali, sono le vetrate artistiche di ispirazione sacra del maestro vetraio Antonio Perotti, realizzate con l'antica tecnica della cucitura a piombo, su disegni originali di Calatrava.

A completare il decoro, i paramenti in seta realizzati nel borgo casertano di San Leucio dall'azienda di alto artigianato tessile del cavaliere del Lavoro Annamaria Alois, dove ha recuperato antichi telai a mano, macchine artigianali e un ricchissimo archivio di disegni originali di epoca borbonica.
I paramenti, realizzati sui disegni originali di Calatrava, richiamano le rose e le foglie delle nicchie laterali.

Un luogo di culto restituito alla comunità

L'intero progetto, ogni singolo disegno e manufatto sono stati donati dall'architetto spagnolo al Museo e Real Bosco di Capodimonte e andranno ad arricchire le sue Collezioni.

La chiesa è aperta nei weekend, dal venerdì alla domenica, dalle ore 10.00 alle 16.00. L'accesso alla chiesa e al cellaio è gratuito con biglietto da ritirare in loco.

22/10/2021

Viaggio a Laurino, tra jazz, gastronomia e percorsi religiosi Laurino è un luogo dell’anima. Un minuscolo borgo nel cuore del Parco Nazionale del Cilento Alburni …

Musica

Tour

14/10/2021

Campania sinfonia d’autunno Caserme e torrone, castelli e conventi. Il patrimonio artistico della Campania protagonista delle …

Tour

24/09/2021

Campania Felix d’arte e spettacoli, donne e gladiatori, vendemmie e party Visite guidate, aperture notturne e straordinarie, laboratori ed eventi speciali. Le bellezze della …

Tour

10/09/2021

Ischia, settembre d'autore Finiti i frenetici giorni d’agosto, l’Isola Verde ritrova il suo ritmo naturale. La temperatura …

Tour