A Caserta Un’estate da Re si conclude con i più grandi interpreti della scena internazionale

Reggia di Caserta – Aperia

Sabato 28 settembre  – Domenica 29 settembre ore 19.30

Zubin Mehta, Stefano Bollani

E l’Orchestra del Teatro di San Carlo

A Caserta Un’estate da Re si conclude

con i più grandi interpreti della scena internazionale

www.unestatedare.it

 

Con due appuntamenti straordinari SABATO 28 e DOMENICA 29 SETTEMBRE (ore 19.30) si chiude la rassegna “Un’Estate da Re. La Grande musica alla Reggia di Caserta”, quarta edizione di uno degli eventi di maggior successo e richiamo della stagione musicale italiana. Ospitata nell’Aperia, all’interno del Giardino inglese della Reggia vanvitelliana, Un’Estate da Re è una rassegna ideata dal Presidente della Regione Vincenzo De Luca per valorizzare e promuovere il sito reale. Organizzata dalla Scabec in collaborazione con la Reggia di Caserta, il Comune di Caserta, il Teatro di San Carlo e il Teatro Verdi di Salerno, diretta dal Maestro Antonio Marzullo, Un’estate da Re ha regalato, dal 28 agosto al 29 settembre, sei serate magiche, con ospiti internazionali e momenti di grande spettacolo, in uno scenario di sogno. Dopo Ezio Bosso, Alvise Casellati e Julian Rachlin, il Pulcinella con il Balletto del San Carlo e il concerto-spettacolo trascinante di David Garrett, la rassegna si chiude con altri due mostri sacri della scena classica : Zubin Mehta che dirige Stefano Bollani al pianoforte con l’Orchestra del Teatro di San Carlo.

Saranno due i programmi proposti nelle serate del 28 e 29.

Il primo concerto si aprirà con l’Ouverture da “La Forza del destino” di Giuseppe Verdi, per proseguire con il Concerto per pianoforte e orchestra n. 23, K488 di Wolfgang Amadeus Mozart, e infine la Sinfonia n. 5 di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Il programma del 29, invece, prevede l’Ouverture da “I Vespri Siciliani” di Giuseppe   Verdi, ancora il mozartiano Concerto per pianoforte e orchestra n. 23 K 488 – sempre nell’interpretazione di Bollani – per chiudersi con la magnifica Sinfonia n. 7 di Ludwig van Beethoven.

 Zubin Mehta, uno dei più importanti direttori d’orchestra al mondo, dal 2016 è Direttore Musicale Onorario del Teatro di San Carlo di Napoli. Accanto alla sua carriera di successi in tutto il mondo, si è sempre impegnato nella scoperta e la promozione di nuovi talenti musicali in ogni parte del mondo: insieme al fratello Zarin, è co-presidente della Mehli Mehta Music Foundation a Bombay grazie alla quale più di 200 bambini sono educati alla musica classica occidentale. La scuola di musica Buchmann-Mehta a Tel Aviv dà possibilità di crescere a giovani talenti in Israele e si lega strettamente alla Israel Philharmonic Orchestra, come nuovo progetto per l’insegnamento a giovani Arabo‑Israeliani nelle città di Shwaram e Nazareth con insegnanti locali e membri della Israel Philharmonic Orchestra.

Stefano Bollani è uno tra i pianisti più talentuosi della scena internazionale, compositore e artista poliedrico. Ha suonato con i grandi nomi del jazz e del rock, alternando le sue composizioni a interpretazioni classiche. Si è esibito  con numerose orchestre sinfoniche (Filarmonica della Scala, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, Gewandhaus di Lipsia, Concertgebouw di Amsterdam, Orchestre de Paris, Toronto Symphony Orchestra tra le altre) e con direttori come Riccardo Chailly, Daniel Harding, Kristjan Järvi e Antonio Pappano.

La rassegna è organizzata e promossa dalla Scabec, in collaborazione con la Reggia di Caserta, il Mibact, il Comune di Caserta, il Teatro di San Carlo di Napoli e il Teatro Verdi di Salerno. E’ anche l’occasione per visitare uno dei monumenti più belli al mondo. Sarà possibile, gratuitamente, effettuare una visita guidata al Giardino Inglese prima dello spettacolo, accompagnati da storici dell’arte ed esperti di botanica.

Tutte le informazioni su biglietti, prenotazioni, promozioni sono disponibili sul sito  www.unestatedare.it