Gara con procedura aperta per il Servizio di Assistenza di Sala del Museo Madre CIG79690918D

AVVISO RINVIO APERTURA BUSTE

La Scrivente Società comunica che, relativamente alla seduta pubblica di aperture dei plichi contenti le offerte, così come riportato nel testo del Bando di gara del servizio di assistenza di sala del museo madre 2019/2020, all’art. IV.3.5 prevista per il giorno 18/09/2019 ore 15:00, è stata rinviata a data da destinarsi.

La Stazione appaltante provvederà a comunicare la successiva data di apertura delle buste.

Napoli 17/09/2019

 

Gara con procedura aperta per il Servizio di Assistenza di Sala del Museo Madre ai sensi dell’art. 35 c. C D. Lgs. 50/2016 CIG 797690918D – CUP C69D16002570002

-Aggiornato il Disciplinare di gara da refuso art.11 “Per la responsabilità civile verso terzi: € 3.000.000,00

-Aggiornato il Bando di gara da refuso punto III. 3.1. Condizioni di esecuzione del contratto di appalto “il personale dipendente (come indicato nell’allegato EP) delle aziende che gestivano in precedenza il servizio di Assistenza di Sala”

Faq n.1
procedura aperta per il Servizio di ASSISTENZA DI SALA MUSEO MADRE – Codice CIG 797690918D
procedura aperta per il Servizio di BIGLIETTERIA ACCOGLIENZA MUSEO MADRE – Codice CIG 7976912406
buongiorno,
in merito al punto 10 disciplinare di gara relativo alle referenze bancarie si chiede se saranno da ritenersi valide referenze rilasciate da primario istituto di credito per un conto corrente aperto nel dicembre 2017, in aggiunta a referenze relative ad altro conto con maggiore anzianità.
Risp. n.1
Spett.le Società,
la risposta al suo quesito potrà essere positiva. Nello specifico il riferimento al quesito posto è nel caso di specie riportato nel Consiglio di Stato, sez. III, 03.08.2018 n. 4810. “… le referenze bancarie sono uno dei mezzi di prova (art. 83 d.lgs. n. 50/2016) attraverso cui le imprese si qualificano sul piano economico-finanziario. Quale mezzo di prova la referenza bancaria costituisce uno strumento finalizzato a dimostrare se i requisiti in questione sussistano nel caso di specie. Quindi, nell’ipotesi in cui la referenza prodotta dall’impresa concorrente non si riveli idonea a questo scopo, perché quanto ivi attestato non sia ritenuto sufficiente dall’amministrazione aggiudicatrice, quest’ultima è tenuta a soccorrere l’impresa mediante l’ampio potere di regolarizzazione previsto dal codice dei contratti (Consiglio di Stato, sez. V, 21.06.2017 n. 3132).

Faq n.2
Con la presente si chiedono dei chiarimenti in merito al monte ore complessive annue considerate in relazione all’importo di € 260.000 annuo.
Inviamo un file excel dove all’interno sono presenti due fogli di calcolo, dove nel primo sono stati inseriti tutti i dati sulla base delle indicazioni del disciplinare e dove a noi
risulta un monte ore complessivo pari a 8.998 ore (12 mesi di attività) e con un prezzo orario risultante a base d’asta pari ad € 28,89, mentre nel secondo foglio sono inseriti i dati relativi ai dipendenti attualmente in forza sulla base dell’allegato EP da loro fornito, nel quale risulta un totale di 14.220 ore (12 mesi di attività) e con un prezzo orario risultante a base d’asta pari ad € 18.28.
Alla luce di quanto sopra descritto, si chiedono le ore complessive che la SA ha considerato su base annua, dato fondamentale per elaborare un’offerta economica e se l’importo annuo deve essere considerato di € 260.000 annui a base d’asta.
Si resta a disposizione, per chiarimenti e/o delucidazioni,
cordiali saluti

Risp. n.2
Le ore complessive da considerare così come indicato nel disciplinare tecnico all’art. 1 e 2 sono riportate su base settimanale.
Cosi come riportato all’art. 2 Il servizio di Assistenza di Sala dovrà prevedere, durante gli orari di apertura al pubblico, almeno n° 3 unità in servizio ordinario, delle quali:
• una unità al primo piano espositivo
• due unità al secondo piano espositivo
nei giorni lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì, sabato dalle 10:00 alle 19.30; domenica dalle 10:00 alle 20.00, per un totale di 57,5 ore settimanali.
Le modalità di espletamento del servizio d’assistenza di sala in occasione delle mostre dovrà prevedere, durante gli orari di apertura al pubblico, ulteriori unità in servizio nei punti prescelti dalla Scabec, sentita la Fondazione Donnaregina, posizioni che saranno di volta in volta comunicati e concordati.
Resta, altresì, inteso che, nel caso contrario, nel quale cioè alla data del 31/10/2020 il plafond non dovesse essere ancora esaurito sarà facoltà di Scabec prolungare, per una volta, la durata del contratto per un massimo di 12 mesi.

Faq n.3

il file modello_dom-dic-assistenza-BIGLIETTERIA-ACCOGLIENZA-MADRE_19.doc messo a disposizione nella documentazione di gara sembrerebbe mancante delle ultime pagine.

chiediamo, dunque, di poter ricevere modello completo.

Risp. n.3

Il file è stato aggiornato.